Esercizi utili per la STENOSI VERTEBRALE

Esercizi utili per la STENOSI VERTEBRALE

Esercizi utili per la STENOSI VERTEBRALE

Il restringimento dello spazio in cui passa il midollo spinale è molto diffuso. Ora uno studio dice che può essere curato bene anche senza operarsi.
La stenosi si cura con la medicina riabilitativa e con la fisioterapia! Nei nostri Cmr ( centri di medicina riabilitativa ) lo facciamo da venti anni con ottimi risultati.
Camminare diventa una sofferenza e per avere un po’ di sollievo bisogna stare con il tronco leggermente piegato in avanti altrimenti il dolore , che parte dalla schiena e si irradia a tutte e due le gambe, diventa insostenibile. E’ la stenosi del canale vertebrale, un problema di cui si parla poco ma che riguarda moltissimi ultrasessantenni ed p una delle cause principali di intervento chirurgico dopo i 65 anni.
Ora una revisione italiana degli studi sull’argomento dimostra che il bisturi non è per forza meglio di trattamenti conservativi di riabilitazione e fisioterapia : l’indagine , pubblicata di recente sulla Cochrane Library, sottolinea infatti che non ci sono differenze sostanziali di efficacia fra la chirurgia e la fisioterapia per liberarsi dal malessere provocato dalla stenosi , che consiste nel restringimento del canale dove passa il midollo spinale e nella conseguente dolorosa compressione dei nervi.
“Tuttora non ci sono molte ricerche sul tema , inoltre gli interventi chirurgici in genere sono ben descritti mentre i protocolli dei trattamenti fisioterapici conservativi sono meno precisi – afferma Fabio Zaina fisiatra di ISICO (Istituto Scientifico Italiano Colonna Vertebrale) e autore dello studio-. Dai dati disponibili a oggi si può affermare che non ci sia una netta superiorità della chirurgia per risolvere la stenosi. Dovremo capire meglio che cosa funziona di più perché la ricerca è ancora agli inizi, ma certo si tratta di un messaggio che può tranquillizzare i pazienti.” Non molti infatti vanno in sala operatoria volentieri e sapere che anche con la medicina manuale e la fisioterapia mirata si possono ottenere buoni risultati è un sollievo.
Per la terapia farmacologica si usano cicli brevi di cortisonici per via epidurale, ma pochi pazienti rispondono e non sempre bene: ciò che invece di sicuro funziona sono gli esercizi per migliorare l’elasticità della colonna – dice Zaina-.
Il fisioterapista , dopo aver valutato le caratteristiche di ciascun caso , indica un piano personalizzato di attività con esercizi di stretching , flessione ed estensione della schiena che ognuno può fare da solo a casa propria. Una buona regolarità e l’impegno garantiscono ottimi risultati: la qualità della vita e l’autonomia migliorano, senza esporsi a effetti collaterali.
Per una consulenza sulla stenosi vertebrale, contatta il nostro centro di fisioterapia a Bologna CMR (centri di medicina riabilitativa), Vi consiglieremo la terapia più adatta alla vostra esigenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *